Serie C, in 4 ballano per un sogno

Carrarese, Siena e Ternana sono ancora in corsa. Il programma delle partite playoff. Pianese ai playout

di Enrico Salvadori
FIRENZE

Con le promozioni dirette in B delle prime dei tre gironi (Monza, Vicenza e Reggina) e le retrocessioni in D delle ultime tre (Gozzano, Rimini e Rieti) la serie C riparte per assegnare l’ultimo posto per la promozione in cadetteria con i playoff e stabilire le ultime 6 retrocessioni con i playout. Non è stato facile trovare la quadra per chiudere la stagione. Ma almeno il campo darà verdetti definitivi con le società che per ripartire sostengono spese notevoli a livello di prevenzione sanitaria. Per questo i playoff su base volontaria saranno a 23 squadre anzichè a 28. Hanno rinunciato Pontedera, Arezzo, Piacenza, Modena e anche le due undicesime (Pro Patria e Vibonese), una sola delle quali sarebbe rientrata in gioco in base a chi vincerà la Coppa Italia di serie C (finale a Cesena) tra Ternana e Juventus Under 23 che sancirà la ripartenza il 27 giugno. Lo stesso giorno in cui si gioca l’andata dei playout con questi accoppiamenti: Pianese- Pergolettese, Olbia-Giana Erminio, Arzignano-Imolese, Fano- Ravenna, Rende-Picerno, Bisceglie- Sicula Leonzio. Ritorno il 30 giugno. I playoff per il posto in B scattano mercoledì 1° luglio e si chiudono mercoledì 22 luglio. Sei turni a gara secca. In lizza le due toscane Carrarese e Siena e l’umbra Ternana che, se vince la Coppa, entra in gara più avanti altrimenti pesca subito l’Avellino in trasferta. Nel primo turno il Siena è già qualificato perché trovava l’Arezzo che ha rinunciato. Previste Novara-Albinoleffe, Alessandria- Juve Under 23 (se i bianconeri non vincono la Coppa), Padova- Samb, Catania-Francavilla, Catanzaro-Teramo. Già qualificate anche Feralpi e Triestina che avevano incrociato Modena e Piacenza che hanno rinunciato. La Carrarese (seconda nella stagione regolare congelata allo stop di marzo) è tra le favorite per la B anche perché salta i primi incroci. Gli avversari più quotati sono Bari, Reggiana, Carpi, Sud Tirol, Potenza. Ma anche Padova, Triestina, Ternana, Novara e Alessandria che in campionato erano state al di sotto delle aspettative e sono motivatissime. Sarà una roulette dove contineranno gambe e testa. Lo spettacolo è assicurato.