Vettel, casco speciale per i saluti

Intanto nelle libere di ieri dominano i soliti Hamilton e Bottas: problemi per Verstappen, terzo è Norris

MONZA

«Onestamente a inizio stagione, in occasione dei test di Barcellona, non avevo capito quanto grave fosse il nostro ritardo. Non è bello, ma non molliamo». Carletto Leclerc apre il cuore nel giorno delle prove libere del Gran Premo d’Italia. Il monegasco va anche in testacoda, cerca in tutti i modi di sottrarre la Ferrari alla mediocrità ma non va oltre il nono posto. Ancora più indietro Vettel, a sua volta protagonista di un fuori pista. Per l’ultima gara con la Rossa nel tempio della velocità intanto il pilota tedesco sfoggerà un casco speciale per omaggiare l’Italia e ringraziare i tifosi della Ferrari. Sebastian Vettel, all’ultimo Gp di Monza con la Rossa, ha deciso di scendere in pista con un tricolore italiano che si affianca alla bandiera della Germania. Un saluto speciale per un Paese che lo ha accolto con simpatia. «Penso che sarà un weekend difficile ma cercheremo di fare il possibile. A Spa non abbiamo conquistato, ovviamente, quello che ci aspettavamo. A Monza non possiamo promettere miracoli, ma l`obiettivo è senza dubbio di migliorarci » le parole di Vettel in vista della gara di domani. Lewis Hamilton intanto domina e con l’altra Mercedes il maggiordomo Bottas si mette in scia. Qualche problema per la Red Bull di Verstappen, al terzo posto si issa Norris con la McLaren. «Ci manca il supporto del pubblico – ammette Mattia Binotto –. Qui speriamo di non essere in difficoltà come in Belgio. Sono anche curioso di verificare quale sarà l’impatto sulle qualifiche della decisione Fia di vietare il cambio della mappatura del motore tra il sabato e la domenica. Per noi potrebbe essere un piccolo vantaggio». Binotto ha incassato ieri la fiducia rinnovata dell’amministratore delegato della Ferrari Louis Camilleri: «Voglio dire che ho totale fiducia in Mattia e nel suo staff, i risultati attualmente non confermano quanto sto affermando ma cose simili richiedono molto tempo. In passato c’è stata troppa pressione e una serie di persone spinte ad andare via troppo presto. C’era un’atmosfera da porte girevoli e sto cercando di terminare questo andazzo». La pole del Gran Premio d’Italia viene assegnata oggi tra le 15 e le 16 (diretta Sky). Hamilton è favoritissimo. La Ferrari ha come obiettivo massimo l’ingresso di entrambe le vetture nella Top Ten. Un anno fa Charles Leclerc firmò nel Parco una pole memorabile: un ricordo che fa male al cuore, alla luce del presente. La corsa scatta domani alle 15,10.