“Dovi” e la Ducati sorridono,
ma il futuro è ancora incerto

Primato / In graduatoria ora ha ‘staccato’ di ben 6 lunghezze Quartararo

Nonostante il settimo posto a San Marino, Andrea Dovizioso si porta al comando della classifica generale, ma non può abbassare la guardia perché i primi sette piloti sono distaccati da soli venti punti. La gara da dimenticare di Quartararo va a vantaggio del pilota italiano che, nonostante un weekend pieno di alti e bassi, approfitta dei problemi del suo rivale per mettersi tutti alle spalle. Scattato dalla terza fila dello schieramento di partenza con il nono tempo, Dovizioso è riuscito a non perdere posizioni allo start, rimanendo all’interno del gruppo all’inseguimento dei primi. Dopo la caduta del francese all’ottavo giro, il pilota forlivese ha cercato di trovare il ritmo per provare a ricucire il distacco dai piloti davanti, ma solo verso la fine della gara è riuscito a riprendere la Ducati di Jack Miller passandola all’ultimo giro e guadagnando la settima posizione. Con 76 punti, Dovizioso ha sei lunghezze di vantaggio su Quartararo (70) mentre l’australiano Jack Miller resta stabile in terza posizione con 64 punti, seguito da Joan Mir a quota 60, a due punti di vantaggio su Maverick Viñales e Valentino Rossi. A un punto di distacco dai due piloti della squadra uff iciale Yamaha, troviamo il trionfatore della gara Morbidelli, settimo con 57 punti, seguito da Brad Binder (Red Bull KTM Factory Racing) e Takaaki Nakagami entrambi con 53 lunghezze mentre il portoghese Miguel Oliveira (Red Bull KTM Tech3) chiude la top 10 con 48 punti.


Dichiarazioni

Un piano B come collaudatore o
ci sarà il passaggio in Petrona

Andrea Dovizioso smentisce il passaggio in Petronas nel 2021 e non ha escluso l’ipotesi che possa diventare un collaudatore («non ho un piano B e la griglia per il 2021 è già completa »). Ammette poi di non aver ancora niente in mano ma di voler adesso concentrarsi sul Mondiale per via delle tante gare ravvicinate. La prima delle due a Misano è stata «davvero molto diff icile: partendo così indietro ho faticato molto a trovare un buon ritmo all’inizio. Non riesco ancora a essere competitivo come vorrei con queste gomme e lo stile di guida che ho sempre adottato negli ultimi anni purtroppo in questo momento non funziona. Fortunatamente avremo altre giornate di test qui a Misano, che saranno importanti per cercare di risolvere questo aspetto. Il campionato quest’anno è davvero imprevedibile e siamo primi in classifica generale. Voglio cercare di vedere il lato positivo».


La casa di Borgo Panigale
è a soli 6 punti dalla vetta

Piloti / Danilo Petrucci occupa la quindicesima posizione con 25 punti

Danilo Petrucci, scattato dalla quindicesima posizione in griglia, ha chiuso invece un fine settimana diff icile al sedicesimo posto. Il pilota ternano non è riuscito a guadagnare posizioni in partenza, restando attardato fin dai primi giri e perdendo l’opportunità di tentare una rimonta. Dopo l’ultima prova, Petrucci occupa la quindicesima posizione in classifica generale con 25 punti. Ducati è invece seconda nella classifica costruttori a sei punti dalla vetta, mentre il Ducati Team occupa il terzo posto nella classifica riservata alle squadre. Lo stesso Petrucci non ha nascosto le diff icoltà: «Ho faticato davvero molto in gara. Ho avuto diversi contatti con altri piloti all’inizio e non sono riuscito a rimanere agganciato al gruppo dei primi. Man mano che la moto si alleggeriva con il consumo della benzina, sono riuscito ad avere un ritmo migliore, ma ormai ero troppo lontano per poter recuperare sui piloti davanti. La gara ci ha comunque permesso di capire alcune cose e questa è sicuramente un’indicazione che ci potrà servire per il futuro. Speriamo che i test ci aiutino a fare un po’ più di chiarezza. Mi spiace di non essere riuscito a conquistare nessun punto oggi: ce l’ho messa veramente tutta, ma purtroppo non è bastato». Ma non c’è tempo per i rimpianti perché si torna nuovamente in azione sullo stesso tracciato per il GP dell’Emilia Romagna e della Riviera di Rimini.


Sinergia con Motor Valley Development
Insieme per la regione Emilia Romagna

Iniziativa / Domani sulle moto della scuderia ci sarà una livrea speciale

Una livrea speciale resterà sulle due moto uff iciali del Ducati Team durante la prima storica edizione del Gran Premio dell’Emilia-Romagna e della Riviera di Rimini in programma domani. Il logo di Motor Valley aff iancherà quindi quello della Regione Emilia-Romagna anche sul banner posizionato nella via di fuga della Curva del Carro e sarà anche sulla collina dietro la curva della Quercia. L’associazione è nata e opera in sinergia con la Regione Emilia-Romagna per favorire la promozione e la valorizzazione turistica di questo patrimonio. Con la presenza del logo sulle carene delle due moto uff iciali, Ducati consolida il supporto alle attività messe in atto dal sodalizio, già confermato nel 2019 attraverso la nomina dell’ad Ducati, Claudio Domenicali, a presidente di Motor Valley Development. «La Via Emilia attraversa una terra davvero speciale e ricca di storia dove le emozioni sono di casa e si toccano con mano grazie alle tantissime aziende che rappresentano l’eccellenza italiana nel mondo, capaci di tradurre i sogni in realtà attraverso prodotti unici. Motor Valley nasce nel segno di valori condivisi quali competenza, innovazione tecnologica, amore per la bellezza, passione e forte legame con il territorio. È un traino turistico molto importante nella valorizzazione e nella promozione della nostra Regione. Grazie alla disponibilità dei partner abbiamo deciso di personalizzare le carene delle moto uff iciali». Sempre con l’obiettivo di valorizzare il territorio, torna in onda anche la nuova edizione di On the Road Again. Format televisivo articolato in otto nuovi episodi, viene trasmesso su Sky Sport MotoGP. Il programma vede il giornalista Guido Meda e il conduttore Nicolò De Devitiis viaggiare in sella a moto Ducati e Scrambler alla scoperta della Motor Valley e dei suoi protagonisti lungo le strade della Via Emilia, dove sono stati testati e messi a punto alcuni dei bolidi più belli e più desiderati al mondo.