Raikkonen non molla

Un altro anno per Kimi in Alfa con Giovinazzi

IMOLA

«I’m not leaving!»(Non me ne vado). Con questa frase pubblicata su Instagram, l’eterno Kimi Raikkonen ha ufficializzato il prolungamento della carriera. Sarà in pista anche nel 2021, a 42 anni suonati. Sempre al volante della Alfa Romeo, che ha confermato la partnership con il team Sauber. «Sono contento, è quello che volevo – ha detto il vecchio zio finlandese – Mi diverto ancora a guidare e per me solo questo conta, il piacere della competizione ». Ultimo campione del mondo con la Ferrari nell’ormai remoto 2007, Raikkonen ha debuttato in F1 proprio con la Sauber nel 2001. È rimasto fermo due anni (2010 e 2011), poi è tornato nel 2012. Ha trascorso due periodi con la Rossa ed è l’unico driver ad aver vinto Gran Premi al volante di tre marchi storici come il Cavallino, la McLaren e la Lotus. L’italiano. Ieri Alfa Romeo ha anche confermato nei ranghi Antonio Giovinazzi, l’unico pilota italiano sulla griglia di partenza dei Gran Premi. «Sono orgoglioso di poter continuare la mia esperienza con la squadra del Biscione – ha detto il pugliese – La stagione in corso non è stata semplice, abbiamo pagato un prezzo ai limiti del nostro motore. Ma stiamo imparando dalle difficoltà e la collaborazione con la Ferrari ci aiuterà. Intanto spero di vivere un bel week end a Imola!». Poi gli onori al compagno di squadra con cui dividerà il box per il terzo anno consecutivo: «Da un campione come Kimi posso solo imparare tanto – continua Giovinazzi – ma voglio batterlo. Sul passo gara mi sono avvicinato molto nell’ultimo anno e le ultime gare lo hanno dimostrato». Gli altri. In attesa dell’annuncio della Haas sull’ingaggio di Mick Schumacher, la Williams ha sciolto le riserve confermando il promettente Russell e il compagno di squadra Latifi. Ancora da definire il nome del secondo pilota Red Bull: il posto accanto all’intoccabile Verstappen se lo stanno giocando il tedesco Hulkenberg e il messicano Perez. Da svelare anche il compagno di squadra per Vettel l’anno prossimo nella neonata Aston Martin che sostituirà la Racing Point, con Stroll sempre in pole position. Rimangono ancora vuoti i sedili della Haas. Mick Schumacher aspetta ancora una chiamata dagli americani legati alla Ferrari per potersi sedere sul suo primo sedile tra i grandi. L’ultimo spot da colmare è in Alphatauri, che dovrà annunciare il compagno di Gasly per il 2021. Kvyat non ne ha fatto una tragedia se non dovesse essere riconfermato accanto al francese: «Andrà come andrà».

LT